A cosa ci serve un tritacarne

Pubblicato da admin il

Il tritacarne di base è una macchina che viene usata per ridurre la carne, il lardo e la cotenna in piccoli pezzi omogenei. La carne che viene lavorata in questo modo è definita macinata o tritata e può essere a sua volta mescolata e amalgamata con altri ingredienti, come il sale, gli aromi e le spezie, per andare a realizzare tutta una serie di preparazioni tipiche della cucina nostrana. Con il tritacarne si può preparare la carne tritata anche semplicemente per degli hamburger, polpette e i polpettoni, le salsicce e tanti altri prodotti insaccati. Ovviamente a seconda del prodotto finale che vogliamo realizzare, possiamo ottenere una carne con una diversa grana di macinazione. Quindi il tritacarne ci consente anche di scegliere la grandezza dei pezzetti di carne tritata che dipenderà esclusivamente dalla larghezza dei fori della piastra del tritacarne.

I modelli di tritacarne in vendita sul mercato differiscono per dimensione, design e colore ma in sostanza hanno tutti la stessa struttura di fondo con alcune componenti principali.

Troviamo un corpo centrale che è la parte della macchina solitamente di forma cilindrica, con due aperture, una per l’entrata, posta nella parte superiore del corpo, e una per l’uscita della carne. La parte per l’uscita della carne viene chiamata anche “bocca in testa” ed è a sua volta chiusa dalla piastra forata, attraverso la quale dovrà passare la carne per essere tritata più o meno finemente. L’elica del tritacarne è posta all’interno del corpo centrale, gira grazie al motore che funziona a corrente elettrica, oppure grazie alla forza manuale impressa dall’operatore. L’elica essenzialmente ha la sola funzione di far avanzare i pezzi di carne lungo il corpo centrale. Ogni tritacarne presenta poi delle lame, cioè un coltello a croce che viene situato tra l’elica e la piastra forata, che andrà a tagliare la carne in pezzi più piccoli. La piastra forata, che viene mantenuta alla “bocca di testa” del corpo centrale da una ghiera. Nei modelli più comodi di tritacarne ovviamente possiamo smontare agevolmente la piastra per le operazioni di pulizia. Il diametro dei buchi della piastra condiziona come detto la grana di macinatura della carne. Alcuni tritacarne sono forniti essenzialmente di diverse piastre con fori di diverso diametro.

Questa è quindi la funzionalità e le parti fondanti di qualsiasi tritacarne, sia di tipo elettrico sia di tipo manuale. E’ uno strumento che può essere effettivamente molto utile per fare una serie di preparazioni, e sopratutto per scegliere con cura i pezzi di carne da voler utilizzare e fare un macinato ad hoc per qualsiasi uso. In commercio possiamo trovare diversi modelli, se siete interessati a munirvi di questo strumento e non sapete come scegliere, vi consiglio di consultare la guida al sito www.tritacarnemigliore.it.